Cina, terra di conquista! Allianz Generali Axa Zurich il punto della situazione.

Cina, terra di conquista! La situazione di Allianz, Generali, Axa e Zurich è assai differente. Allianz, il colosso francese già tra i leader europei , aprirà una propria compagnia ,una filiale in Cina,utilizzando soltanto le proprie forze ,quindi senza nessuna partnership,collaborazione con un gruppo cinese, come, invece fanno la maggior parte degli investitori che approdano nella  nazione popolosa dell’Asia Orientale . Sia Generali che Axa infatti, si erano ritagliate un’importante postazione all’interno del mercato del cinese ,ma entrambe avevano dovuto obbedire alle regole imposte dalle autorità della nazione del Dragone , quindi si sono fuse inevitabilmente con società cinesi. Ma di recente le norme sono variate e ciò ha consentito alla compagnia guidata dall’arguto Thomas Buberl di acquisire l’altro 50% di Axa Tianping di cui deteneva già il 50%.

I fatturati che non ti aspetti : male Zurich , bene Generali .Cina, terra di conquista?

Axa Tianping nel 2018 ha raccolto un utile di circa 1 miliardo di euro . Al momento, però, regna incontrastato , nel mercato asiatico Generali , che con le partnership con il colosso petrolifero Cnpc sia nel comparto vita (Generali China Life) che in quello danni (G. China Insurance) conta circa 1,9 miliardi di euro. Del tutto secondaria, al momento,e quasi inerme la presenza dell’altro colosso svizzero , Zurich, che chiude l’anno asiatico con 100 milioni di dollari ,spiccioli se vengono comparati ai ricavi totali , si parla addirittura di meno dell’1% .

LA MOSSA : Allianz mette la freccia

A quanto pare dietro l’ingegnosa mossa di Allianz c’è un nostro connazionale , Sergio Balbinot, fonti accreditate confermano che diventerà presidente della nuova compagnia, grazie anche alla sua immensa conoscenza del territorio , ma anche del tessuto sociale ed economico della Cina , probabilmente è l’italiano più noto in terra asiatica e la prova sta nel fatto che è stato tra l’unico occidentale a essere stato ammesso tempo fa a un congresso del partito comunista. Pare che in Cina contino molto più che altrove la presenza e la reputazione e Balbinot ha coltivato nel corso del tempo queste qualità. Cosa ancora più incredibile è che fu proprio Balbinot, quando all’ora era in Generali, a seguire i primi passi del esperienza cinese nell’apertura che fu eseguita nel 2002.

IL TERRITORIO

La Cina rappresenta un vero è proprio terreno fertile ,in un mondo che pare sempre più arido . Ad oggi quello cinese è il secondo mercato al mondo con 574 miliardi di dollari , subito dietro, ma ancora lontano, da quello statunitense . Ovviamente qui gli spazi e i margini di crescita sono molto più ampi che in qualsiasi altro continente, compreso quello scoperto dal connazionale Colombo . Ed è per questo che qualsiasi compagnia occidentale, qualunque sia la strategia di crescita, non può fare a meno di invadere quest’area geografica.

L’INNOVAZIONE

Gli studi del Boston Consulting Group (Bcg), “Why Chinese insurers lead the way in digital innovation” confermano ,che l’innovazione digitale in Cina va oltre quella che vediamo in qualsiasi altro mercato. Con quasi 725 milioni di “internet users”, l’innovazione e lo sviluppo di nuovi servizi dei giganti digitali come Alibaba, Baidu e Tencent, sono divenute fondamentali per la vita odierna . E il mercato assicurativo ha visto lo stesso tasso di innovazione”. In altre parole, “la Cina – osserva Davide Corradi partner di Bcg – è un gigantesco laboratorio a cielo aperto. Le tecnologie sono sia locali ma anche di provenienza esterna ma il modello di business cambia continuamente, rispetto all’Occidente.

LA CONCLUSIONE : chi la spunterà Allianz ,Generali , Axa o Zurich ?

Ma dobbiamo ammettere che la navigazione dei tanti “Colombo occidentali” verso Pechino non è per nulla facile. Sì, è vero,ad oggi le compagnie possono aprire da sole un’assicurazione, ma , ci sono sempre dei ma , e anche abbastanza grossi .. Il primo è che, comunque, questa libertà vale soltanto, da pochissimo tempo, e riguarda solo i rami danni. Perché nel ramo vita, più ricco e sicuramente più promettente, è ancora necessaria la partnership con un operatore locale . “La vera sfida – dicono in Generali – è il settore vita, dove le potenzialità di crescita sono straordinarie” . Staremo a vedere chi conquisterà questo territorio straordinario …o saranno loro a conquistare noi ? Cina terra di conquista ?Tutto nelle mani di Allianz ,Generali ,Axa e Zurich .

Articoli simili


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *