Assicurazioni eventi atmosferici: le richieste sono in crescita

0

Nonostante qui da noi nel Belpaese non ci siano spesso trombe d’aria, maremoti, tsunami o particolari catastrofi naturali, (anche se non è poi così raro che ci siano terremoti) cresce tra gli automobilisti italiani la richiesta di assicurazioni per gli eventi atmosferici. Fino a qualche anno fa erano davvero poco diffuse sul mercato assicurativo italiano le polizze tese a tutelare le auto dall’impeto delle calamità naturali.

Tuttavia quasi tutte le Compagnie Assicurative per l’Rc Auto anche in passato hanno offerto e offrono tutt’ora prodotti assicurativi che tutelino la salvaguardia dei veicoli dagli agenti atmosferici o, più in generale, dalle catastrofi naturali.
Va sottolineato che le compagnie non sono affatto tenute per legge a concedere assicurazioni per eventi atmosferici, infatti questo tipo di coperture sono facoltative non solo per l’assicurato, ma anche per l’assicuratore.

Quali eventi atmosferici sono coperti?
Per quanto concerne eventi atmosferici soggetti a coperture vengono previsti da questo tipo di polizze assicurative:

  • Tempeste
  • Bufere
  • Uragani
  • Grandinate
  • Tifoni
  • Frane
  • Valanghe
  • Alluvioni
  • Inondazioni
  • Trombe d’aria
  • Slavine
  • Danneggiamenti provocati da ghiaccio o dalla neve.

Non sono invece previsti, anche perché non sono peculiari per il nostro clima, la copertura assicurativa contro tempeste, mareggiate, tifoni o uragani.
Visti invece i danni legati ai problemi idrogeologici del territorio italiano, ovviamente questo tipo di polizze  prevedono una copertura anche per i danni provocati da inondazioni o frane, che in alcune zone del nostro territorio possono avvenire con un’alta percentuale di rischio. Sono invece esclusi a questo tipo di soluzioni  i danni che invece dipendono dagli incendi.

Polizze standard o personalizzate?
Le polizze assicurative per gli eventi atmosferici possono anche essere personalizzate o concordate con l’assicurato, questo perché possano essere inserite clausole che siano più adatte alle esigenze del cliente, adatte al tipo di utilizzo che fa del veicolo al tipo di contesto in cui vive e in cui guida il veicolo stesso.
Tanto per capire come vengono gestite questo tipo di polizze possiamo fare un’analogia con quelle incendio, in cui in caso di danni si procede al rimborso sia dei danneggiamenti all’auto, procedendo alla riparazione, sia nel caso della totale distruzione. È ovvio che in tal caso il risarcimento equivarrà al valore commerciale della macchina al momento della calamità, valore stabilito dalle riviste di settore, come Quattroruote o Eurotax.

Allo scopo di tutelarsi dalle truffe le Compagnie Assicurative anche nel caso delle assicurazioni per gli eventi atmosferici, avviano la procedura di risarcimento del sinistro a patto che la richiesta dell’assicurato venga accompagnata da una denuncia della polizia, dei carabinieri, dei vigili del fuoco o della protezione civile che attesti che il fenomeno naturale abbia avuto luogo effettivamente. Se l’assicurato non riesce a procurarsi questo tipo di dichiarazione, può suffragare la sua richiesta con le rilevazioni dell’Osservatorio meteorologico più prossimo alla zona nel quale sarebbe avvenuta la calamità.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.