500 euro per un’assicurazione auto? Un affare, ma attenti a….

0

Qualche mese fa una volante dalla polizia stradale ferma un rumeno su un auto assicurata RAS. Nei controlli di routine, attraverso il collegamento al database della compagnia, gli agenti si sono resi conto che erano di fronte ad un tagliando falso.

Il rumeno, che affermava di essere in buona fede, ha dichiarato di aver acquistato l’assicurazione per la propria auto da un uomo di Pozzallo (Ragusa), a 500 euro.

La polizia, dopo altre denunce è riuscita a risalire al truffatore e facendo irruzione nella sua abitazione ha trovato vari computer, hard disk, stampanti professionali e tutto l’occorrente per la stampa dei tagliandi falsi.

Continua a crescere il numero delle truffe nel settore delle assicurazioni auto. Ma chi ne paga davvero le conseguenze?

  • Le compagnie assicurative con mancati guadagni.
  • Le persone comuni, che con grandi sacrifici, acquistano una regolare assicurazione.
  • Lo Stato con un mancato gettito di IVA e di tasse.
Insomma a pagarne le conseguenze sono davvero in molti. Ma perchè si fa poco o niente per migliorare questa situazione? Perchè non si varano delle riforme concrete per abbassare il numero enorme di 3,5 milioni di veicoli che circolano senza regolare assicurazioni auto?
Purtroppo l’unica manovra è stata quella di Monti per facilitare i controlli attraverso gli autovelox. Ma non vedo all’orizzonte nessuna riforma strutturale del settore per permettere alle persone di acquistare, a prezzi più ragionevoli, la regolare assicurazione per i propri veicoli.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.